Bruno Begnotti - Cronache Gigliesi 1558 – 1799

Autore: Bruno Begnotti

Editore: Pacini

Produttore: Circolo Culturale Giglese.

Titolo: Cronache Gigliesi 1558 – 1799.

Genere: Storia.

{rokbox title=|Cronache Gigliesi|}images/stories/recensioni/cronache.jpg{/rokbox}

L’autore, Architetto Bruno Begnotti, presidente della storica “Associazione Amici del Giglio”, nato a Brescia il 5-7-1925, scrive del suo lavoro: “Il piacere della ricerca e l’emozione della scoperta mi hanno aiutato a superare dubbi e incertezze, a proseguire fino alla fine, anche nella speranza di poter portare un qualche contributo alla conservazione della memoria storica del luogo”. Questo libro di storia deve essere custodito da ogni famiglia gigliese. E’ uno di quei libri che va letto e posseduto. Avere la possibilità di leggere i manoscritti riportati in questo volume, di poter mettere assieme documenti originali e schemi, nonché piantine, per me non ha prezzo. Non posso recarmi all’archivio di stato di Firenze e passarci centinaia di ore, non posso scartabellare le filze degli archivi storici senza distruggere la mia vita scandita ormai dal traffico cittadino e dalle rotaie delle tratte “pendolari”.

{rokbox title=|Cronache Gigliesi|}images/stories/recensioni/pianta_del_porto.jpg{/rokbox}

Posso immaginare il piacere dell’autore nello scoprire, come del resto egli dice, le antiche carte dei corsari , e la passione nel raccontarlo a noi che acquistiamo il libro. Sono felice di averlo trovato e mi ha dato tanto leggere la storia della mia isola. Ora vediamo quali sono i punti saldi, i cardini della storia dell’ Isola. Cune Paolicchi, Andrea Brizzi (mio diretto antenato), e quindi Bruno Begnotti. Pubblicamente ringrazio questo studioso. Il suo lavoro non ha prezzo (in effetti il volume che ho io non ha stampato il prezzo di vendita). Il lettore s’immerge, attraverso la lettura delle missive originali, qui riportate, nella realtà vera del popolo Gigliese. Analizza le dispute del Tribunale dell’ Isola del Giglio, confronta le comunicazioni dei “Governatori” con Sua Altezza Reale il Granduca, e trae importanti conlusioni sulla vita e sullo stato degli abitanti dell’Isola in quegl’anni. Un Gigliese non può non avere in libreria le “Cronache Gigliesi” di Begnotti.