Analisi Ecotipo Umano

MINACCIA D'ESTINZIONE PER UN ECOTIPO DELL' ISOLA DEL GIGLIO

Di seguito, il modello del meccanismo di formazione di un ecotipo umano, quale componente dell'ecosistema isolano.

{rokbox title=|Schema nascita ecotipo umano|}images/stories/coeg/schema1.gif{/rokbox}

In fig. seguente sono stati riportati i dati relativi allo sviluppo di una proprietà emergente nella popolazione umana in seguito all'interazione uomo-ambiente: la longevità ecologica. Questa è espressa dall'intervallo d'età di morte più frequente in un dato periodo, escludendo il decennio 1-9. La maggior parte delle famiglie ha iniziato la lotta per la sopravvivenza nella seconda metà del 1500: periodo del ripopolamento, operato dopo la disastrosa incursione del pirata Barbarossa (1544). Poche altre, le scampate alla morte o alla deportazione, si possono far risalire ad una colonia romana di liberti e di ex legionari (c.a. 200 a.C.). Il grafico di seguente indica che, a metà '700, il processo d'adattamento è avvenuto con la stabilizzazione di una longevità ecologica nell'intervallo delimitato da 70 e 79 anni. L'interazione ambientale e la riproduzione endogamica, hanno prodotto individui con una nuova e stabile identità. Questa varietà antropologica è ora minacciata dagli effetti di un inutile Ente Parco e dal turismo. Il primo potrebbe portare all'alienazione degli isolani ed il secondo, iniziato negli anni 60, si è già manifestato con un favorevole, ma anomalo aumento della longevità. EdeF
26 dicembre 2002.

CENTRO DI OSSERVAZIONE ECOLOGICA DEL GIGLIO

{rokbox title=|Schema nascita ecotipo umano|}images/stories/coeg/schema2.gif{/rokbox}